Gli italiani mangiano meno e scelgono di consumare cibo più leggero, riducendo quindi i carboidrati e introducendo più frutta, verdura e legumi.

Esiste però una voce fuori dal capitolo: il pane al ristorante.

Infatti gli italiani non rinuncerebbero mai al pane nel ristorante e di qualità eccellente. Non sorprende dunque che il pane proposto sulle tavole dei ristoranti di alto livello venga realizzato dalle sapienti mani di artigiani che operano nelle panetterie o proprio all’interno dell’esercizio (aggiungendo così ancora più valore al locale).

pane-al-ristorante

Certo, stiamo parlando di ristorazione top, ma anche di attività dove il pane è uno degli ingredienti essenziali di tutta l’offerta, pensiamo ad esempio all’hamburger gourmet (di cui abbiamo parlato recentemente offrendoti spunti creativi per il suo impiattamento).

Aggiungiamoci anche che, ad oggi, si assiste ad una vera e propria rivisitazione del pane perché viene:

  • Prodotto con metodi classici e tradizionali
  • Prodotto esclusivamente con farine selezionate

Solo in questo modo si può comprendere perché il pane nella ristorazione sia davvero un elemento unico e distintivo per i clienti.

Scopriamo insieme quali sono i motivi per i quali ogni ristoratore pone maggior attenzione alla presentazione del pane a tavola.

Il pane nella ristorazione: perché è importante valorizzarlo?

Il pane è un alimento storico, che da sempre accompagna le generazioni, sia in periodi di carestia sia in quelli di maggiore stabilità economica. Il pane è un prodotto basilare della dieta mediterranea e non solo, visto che l’abitudine di consumare pane in tutte le sue varianti è comune in tutto il mondo occidentale.

Louis Bromfield, riformatore agrario statunitense, sosteneva che “il pane è il re della tavola e tutto il resto è solo la corte che lo circonda”.

Nel Bel Paese esistono oltre 250 tipologie diverse di pane, con oltre mille varianti, che vanno dalle isole alle Alpi. Sono pani non troppo noti, confezionati da piccole comunità, cotti come un tempo, nel forno a legna, che varrebbe la pena conoscere e scoprire.

Le varietà di pane presenti nelle regioni italiane, da nord a sud, sono infatti numerose e in ogni area vengono impiegate le materie prime della terra, quelle a disposizione. Tra questi ben 5 sono stati riconosciuti dall’Unione Europea.

La Coppia ferrarese, la pagnotta del Dittaino, il pane casereccio di Genzano, il pane di Altamura e il pane di Matera.

Ecco perché uno degli emblemi più rappresentativi della tradizione culinaria italiana, il pane appunto, dovrebbe avere una presentazione capace di esaltare e valorizzare al massimo tutti i suoi aromi.

Guarda ora il nostro kit per la tavola dedicato al pane e realizzato in collaborazione con l’architetto Franco Driusso!

Ogni visita al ristorante inizia sempre con la consegna del “cestino del pane” al tavolo.

Non si tratta solo di intrattenere gli ospiti in attesa del pasto, ma di un primo “contatto” con il cliente, un’occasione formidabile per partire nella maniera corretta e, diciamolo, è anche un ottimo strumento di marketing nel settore della ristorazione.

I ristoratori sanno molto bene di poter fidelizzare il cliente cominciando proprio dal pane servito: dal grissino fino al biscotto salato, dal panino con farine particolari alla focaccia artigianale. In questo senso, ogni chef può apporre la propria firma alle sue creazioni gourmet, un vero e proprio biglietto da visita.

La presentazione del pane è un momento importantissimo di prima accoglienza del cliente, un’occasione essenziale per catturare subito l’attenzione.

La prima best practice da adottare nel campo della ristorazione è quindi quella di dedicarsi con estrema cura ed attenzione non solo alla panificazione, ma anche e soprattutto alla scelta di come presentare del pane in termini di funzionalità e design.

Per quanto riguarda la funzionalità, il materiale in cui poggia il pane deve essere sicuramente:

  • Durevole
  • Igienico
  • Bello e piacevole al tatto

Ecco allora come il materiale di ultima generazione Krion K – LIFE risponde a queste esigenze e ne aggiunge delle altre. Infatti, la pietra acrilica possiede diverse proprietà assolutamente idonee per l’utilizzo in campo alimentare, eccone alcune:

  • Assenza di pori
  • Proprietà antibatteriche
  • Conservazione della temperatura del piatto e del cibo
  • Materiale ecologico
  • Possibilità di personalizzazione con il marchio aziendale

 

Oltre al materiale con cui è realizzato, la presentazione del pane deve avvenire con elementi dal design ricercati, sempre in grado di stupire il cliente.

Parlando di aspetto estetico, per la realizzazione del nostro kit per la tavola dedicato al pane, noi di Infinito Design ci siamo rivolti all’eclettico architetto e designer Franco Driusso.

Abbiamo concepito una linea dedicata al pane, ORIGINIS, una combinazione di sei elementi in Krion K-Life, utilizzabili insieme, ma anche singolarmente, con geometrie distinte e eleganti per valorizzare diversi sapori, forme, consistenze e accostamenti. Le forme di ciascun elemento sono studiate per proporre diverse tipologie di pane, in cui trovano il giusto posto grissini, sfoglie e pane tradizionale.

Stai cercando un modo per sorprendere il tuo cliente? Guarda il nostro esclusivo kit per la tavola dedicato al pane!