Un prodotto innovativo come il Krion, permette la massima libertà di espressione nell’ ambito del food design dove la cura del dettaglio diventa fondamentale.

Oltre ad essere immaginata come un’ officina casalinga, la cucina è un laboratorio alchemico dove, grazie alla maestria di grandi chef altamente specializzati nella preparazione e cottura dei cibi ed anche e soprattutto nella realizzazione di veri e propri piatti creativi, si coniugano alla perfezione i termini quali innovazione e design.

Il design è il punto d’incontro tra visione, tecnologia e creatività, grazie alla sua maneggevolezza e duttilità il Krion permette ai designer di dare forma a qualsiasi idea. Il materiale di cui è composto, offre infinite possibilità d’impiego per diversi settori oltre ad essere utilizzato per ambienti come bagno, cucine o rivestimenti più particolari dalle linee curve e senza giunzioni. Il Krion, riesce ad inserirsi perfettamente all’interno di una delle attività più affascinanti nel settore food&beverage: Il food design.

Infinito (2)

Krion: Il materiale di ultima generazione nel food design

Il Krion è un materiale caldo al tatto e molto simile esteticamente alla pietra naturale. Il Krion rispetta appieno le normative ambientali infatti, è composto da due terzi di minerale di roccia e un terzo di metilmetacrilato e non solo, Krion può essere riciclato al 100%, riprocessato e riutilizzato perché munito di certificazioni internazionali che ne attestano l’idoneità. Il Krion grazie alla sua versatilità ha raggiunto un numero sempre maggiore di industrie nei diversi settori quali:

  • Ospedali
  • Aeroporti
  • Bar
  • Ristoranti
  • Bagni
  • Cucine

Ed in tutti quei settori dove l’igiene e la completa immunità batterica sono prerogative essenziali.

Le proprietà del Krion

Il Krion ha molteplici vantaggi come per esempio, ha caratteristiche antibatteriche già integrate a differenza di altri materiali che in realtà hanno una serie di sostanze antibatteriche mescolate al prodotto.

Condizioni igieniche a parte, il Krion può essere inoltre termoformato a seconda delle diverse esigenze del cliente con curve, angoli, archi e qualsiasi altra cosa si possa immaginare, donandoli una maggiore libertà di scelta e flessibilità nel design per creazioni uniche ed esclusive. Ma non solo, le proprietà di Krion sono innumerevoli:

  • Assenza di pori
  • Antibatterico
  • Resistente
  • Durevole
  • Manutenzione agevole

La completa assenza di pori evita l’accumularsi di batteri, rendendo il materiale idoneo per quegli ambienti in cui i requisiti igienico sanitari sono necessari. Krion, dispetto ai numerosi materiali solidi, ha un’elevata resistenza alle diverse temperature e sollecitazioni derivanti dalle alte temperature, la durevolezza del materiale è dovuta dal fatto che, Krion, è pensato principalmente per ambienti esposti al vapore, al fuoco e all’acqua come per esempio le cucine professionali e appunto i suoi utensili.

… In conclusione, perché scegliere il Krion?

Il Krion è facilmente lavabile per ripristinare immediatamente l’aspetto originale del materiale anche in caso di quelle macchie più ostinate, bruciature superficiali, graffi o macchie di pennarello. Il Krion può considerarsi ignifugo ed è un materiale riciclabile al 100%, in questo modo può essere tranquillamente riutilizzato nel ciclo di produzione industriale come materiale inerte.

L’importanza del food design

In questi ultimi tempi sta prendendo sempre più piede il food design, una disciplina molto recente ed in forte crescita dove l’Italia è punto di riferimento per il mondo. Dietro il termine food design, si nasconde una vera e propria progettazione legata al cibo. L’innovazione legata al food design, è un ambito in cui la creatività del designer si sposa con la passione per il cibo e, quello che ne esce è una vera e propria opera d’arte.

Esattamente come un vero e proprio designer che progetta interni, la figura del food designer, aiuta a studiare la forma del piatto affinché la portata diventi una vera food experience, un viaggio esperienziale sensazioni, sapori, odori.

La ricerca costante di materiali funzionali ed innovativi, all’interno di questo ambito è dunque fondamentale per conferire al cibo la massima esaltazione sotto ogni aspetto.

Perché Infinito preferisce il Krion

Parlando di innovazione nellambito del food design, il Krion può essere termoformato a seconda delle diverse esigenze del cliente con curve, angoli, archi e qualsiasi altra forma si possa immaginare, donandoli una maggiore libertà di scelta e flessibilità nel design per creazioni uniche ed esclusive. La sua versatilità consente al Krion molteplici combinazioni con altri componenti ed elementi come ad esempio, l’accostamento con la naturalità dell’ardesia, la trasparenza del vetro o con il legno, rendendo così ogni prodotto estremamente unico ed altamente esclusivo, riservando un’ampia varietà di proposte. L’analogia con la lavorazione del legno permette la creazione di spazi senza giunti e termoforature, facendo del Krion un materiale d’avanguardia, non a caso Infinito è stata la prima azienda ad introdurlo nel settore della ristorazione.

Infinito parla con un linguaggio esclusivo, italiano, imperniato di significati forti come le tradizioni ma, con uno sguardo sempre attento a quelli che sono i nuovi trend del mercato. Grazie al suo intuito, creatività, passione, Infinito riesce sempre a trovare qualcosa di magico, nuovo e diverso, facendo sempre attenzione alla cura per ogni dettaglio. La costante ricerca d’innovazione per quanto riguarda il design, è per Infinito la  priorità, è per questo che la forma di ogni suo piatto  interpretato, dona alla  tavola quel tocco in più, conferendole anima e personalità per ogni tipo di occasione.

Ogni portata diventa un momento unico ed irripetibile per vivere una vera e propria food experience in grado di emozionare te e chi ti sta vicino.